Sviluppo di complessi per fotocatalisi e per la costruzione di sistemi supramolecolari

Lo scopo di questa linea di ricerca è quello di sviluppare nuovi complessi metallici – in particolare di Ru(II) e Re(I) – che siano dei buoni precursori per la sintesi di coniugati con porfirine e di sistemi supramolecolari per fotocatalisi e riconoscimento molecolare. In figura è riportata schematicamente la struttura di un generico coniugato metallico.

 

La macromolecola organica (nel nostro caso un fotosensibilizzatori organico), deve venire connessa al centro metallico tramite dei leganti bifunzionali, i cosiddetti linker, in grado di coordinarsi da una parte al centro metallico tramite dei gruppi chelanti (per garantire stabilità termodinamica e cinetica) e che possiedano anche dei gruppi funzionali (e.g. gruppi carbossile) utilizzabili per la coniugazione aIla molecola organica (e.g. tramite formazione di legami amidici o esterei).

Quindi, nel precursore ideale, il numero e la geometria dei siti di legame disponibili (cioè occupati da leganti relativamente labili quali dmso, CH3CN o Cl–) dovrà soddisfare esattamente le preferenze coordinative del linker connesso al fotosensibilizzatore. Gli altri leganti ancillari saranno inerti, spesso anch'essi chelanti. Inoltre, essi vengono scelti in modo da mantenere la geometria del frammento metallico il più possibile simmetrica, in modo da limitare il numero di stereoisomeri nei prodotti. Infine, dal momento che è altamente auspicabile che i prodotti finali siano solubili in acqua, almeno un sito di coordinazione verrà occupato da leganti ancillari altamente idrofilici quali 1,3,5-triaza-7-fosfadamantano (pta).

 Recentemente abbiamo investigato la coordinazione del linker bidentato, 2-(2'-piridil)pirimidina-4-carbossile (cppH) a un precursore di Ru(II). I risultati sono stati riportati in "An irresolute linker: separation, and structural and spectroscopic characterization of the two linkage isomers of a Ru(II)-(2-(2'-pyridyl)pyrimidine-4-carboxylic acid) complex." (Dalton Trans. 2014, 43, 12160-12163. DOI: 10.1039/C4DT01282H.)

 

 

Pubblicazioni pertinenti degli ultimi 5 anni

1) E. Zangrando, N. Kulisic, F. Ravalico, I. Bratsos, S. Jedner, M. Casanova, E. Alessio

New ruthenium(II) precursors with the tetradentate sulfur macrocycles tetrathiacyclododecane ([12]aneS4) and tetrathiacyclohexadecane ([16]aneS4) for the construction of metal-mediated supramolecular assemblies.

Inorg. Chim. Acta, 2009, 362, 820-832.

 

2) I. Bratsos, E. Alessio

Ruthenium(II)-chlorido complexes of dimethylsulfoxide

Inorg. Synth., 2010, 35, 148-152 (doi: 10.1002/9780470651568.ch8).

 

3) E. Iengo,* T. Gatti, E. Zangrando, M. T. Indelli, F. Scandola, E. Alessio*

Concerted motions in supramolecular systems: metal-mediated assemblies of porphyrins that behave like nanometric step-machines.

Chem. Commun. 2011, 47, 1616-1618 (DOI: 10.1039/c0cc03513k)

 

4) E. Alessio, M. Casanova, E. Zangrando, E. Iengo*

Modular self-assembled multiporphyrin cages with tunable shape.

Chem. Commun.2012, 48, 5012-5015.

 

5) I. Finazzi, I. Bratsos, T. Gianferrara, A. Bergamo, N. Demitri, G. Balducci, E. Alessio*

Photolabile RuII Half-Sandwich Complexes Suitable for Developing “Caged” Compounds: Chemical Investigation and Unexpected Dinuclear Species with Bridging Diamine Ligands.

Eur. J. Inorg. Chem. 2013, 4743–4753. DOI:10.1002/ejic.201300792

 

6) I. Bratsos, S. Calmo, E. Zangrando, G. Balducci, E. Alessio*

New cationic and neutral Ru(II)- and Os(II)-dmso carbonyl compounds.

Inorg. Chem. 2013, 52, 12120–12130. DOI: 10.1021/ic401940z

 

7) E. Iengo, N. Demitri, G. Balducci, E. Alessio

An irresolute linker: separation, and structural and spectroscopic characterization of the two linkage isomers of a Ru(II)-(2-(2′-pyridyl)pyrimidine-4-carboxylic acid) complex.

Dalton Trans. 2014, 43, 12160-12163. DOI: 10.1039/C4DT01282H.

 

Gruppo di ricerca

Gruppo Prof. Alessio
Ultimo aggiornamento: 18-12-2018 - 19:50